PEZZOPANE BULIMICA? SEMMAI HA BISOGNO DI UNA CURA RICOSTITUENTE

247

10 FEBBRAIO 2014 – La sen. Stefania Pezzopane ha dichiarato oggi che non parteciperà alla corsa per diventare Presidente della Giunta regionale.

Ha affermato che preferisce non diventare bulimica, dato il consenso raggiunto finora. Pertanto, le porte per una candidatura del Pd che punti tutta su D’Alfonso sono spalancate.

Andiamoci piano, quanto a bulimia di consensi elettorali. Che dall’Aquila siano maestri a far credere quello che conviene loro far credere ormai lo sanno pure le pietre e in particolare il basalto, del quale si compongono i conglomerati bituminosi gestiti dalla sen. Pezzopane a mo’ di monito nei confronti degli avversari (“Li asfalteremo”).

Detto questo, sarà pure il caso di ricordare alla sen. Stefania Pezzopane che, dopo cinque anni di presidenza della Provincia, stiracchiati a sei (e l’ultimo di pubblicità mediatica su tutti i canali televisivi del mondo), non è stata neanche in grado di farsi eleggere, tanto da dover ripiegare su un assessorato comunale che, come il sigaro e il cavalierato, tra politici non si nega a nessuno. Quindi, tutto questo rischio di bulimia non lo vediamo proprio; anzi, se non fossimo oggetto di critiche per una satira di genere, diremmo che vedremmo la certezza di anoressia politica. Poi, in linea di massima le frasi del tipo “Li stermineremo” denotano una paura spaventosa degli avversari (altro che fioritura di consensi…), tanto da far dimenticare il “politicamente corretto” che è stato il leit-motiv del partito delle regole, cioè del PD. Lo “Spezzeremo le reni alla Grecia” sappiamo come si è tradotto in realtà: perdite ingenti e principi di congelamento in una campagna di guerra dalla quale ci salvarono i Tedeschi.

Se in un secondo momento, quindi, Stefania Pezzopane è stata designata per il Senato, alla moda di una legge elettorale che si qualifica con un nome strano, non basta a far dimenticare che, per tracciare itinerari politici e percorsi che polarizzino il consenso, le occorrono ancora tanto basalto e tanto bitume.