TRIPLO SALTO CARPIATO DI VINCENZO MARGIOTTA

306

DOPO LA FERVENTE OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DEL PROCURATORE BELLELLI, CEDE LE ARMI DAVANTI AL GIP

8 MARZO 2022 – All’udienza di oggi davanti al Giudice per le indagini preliminari, l’avv. Vincenzo Margiotta ha rimesso le querele proposte contro l’attuale vice-sindaco , geom. Franco Casciani, la attuale consigliera comunale Teresa Nannarone, il giornalista Patrizio Iavarone e Vincenzo Colaiacovo, direttore de “Il Vaschione”. Casciani ha accettato la remissione; gli altri tre no. La giudice, dott.ssa De Marco, deciderà nei prossimi giorni.

Ha fatto tutto da solo: partito in quarta con sette querele per quello che il Partito Democratico di Sulmona aveva scritto sulla gestione del “Cogesa” da lui amministrato, ha letto la richiesta di archiviazione che di tutte e sette il procuratore Giovanni Bellelli aveva formulato. Si è arrabbiato ancora di più, pensando di svillaneggiare il procuratore (gli ha detto che ha ricoperto il ruolo di avvocato difensore) e in più punti, laddove veniva indicato come “Vincenzo Margiotta”, puntualizzava “il sig. Avv. Vincenzo Margiotta”. Non gli è passato neppure un attimo per il cervello che gli avversari politici e la stampa possono muovere critiche e riportare cose vere, come lo stesso pubblico ministero ha argomentato nella richiesta. Poi ha rimesso le querele. Triplo salto carpiato non richiesto da nessuno; soprattutto perchè, per quel che ci riguarda, sfocerà in una denuncia per calunnia, posto che lo stesso PM ha ravvisato la “strumentalità” delle querele del Nostro.