Autolinee di fuoco, bruciano gli autobus TUA

362

EPPURE LA SOCIETA’ ERA STATA GUIDATA ANCHE DA UN MAGNIFICO RETTORE

22 GIUGNO 2017 – Un autobus della società di autolinee regionali “TUA” si è incendiato ieri nel primo pomeriggio tra Roccacasale e Corfinio, lungo la SS 17.

Gli occupanti, compresa una donna incinta, hanno fatto appena in tempo a mettersi in salvo; le fiamme si erano sviluppate dal motore.

La “TUA” comincia a costituire un pericolo per la incolumità dei passeggeri e degli stessi automobilisti che si trovano a transitare vicino a queste autocorriere scalcinate. In due settimane è questo il secondo episodio che si verifica in Valle Peligna; per non parlar edi quelli sulle altre strade e autostrade regionali. Anche su questo incidente il “governatore” D’Alfonso non spende una parola, sull’esempio di Matteo Renzi che, da presidente del consiglio, evitava anche solo di parlare degli insuccessi, per poter illustrare solo i programmi pieni di sogni.

Anche l’architettura delle nomine ai vertici di queste società regionali denota la tensione a comporre organigramma un po’ stravagantii: alla “TUA” D’Alfonso collocò un rettore universitario, che, quando si dimise perché era stata prospettata una ipotesi di incompatibilità, disse che tornava a fare “solo” il rettore.

Ora che nelle grandi città europee i grossi automezzi generano ansia per le imprese dei terroristi e sulle nostre strade gli autobus fanno altrettanto per i motori incendiarii, sarà il caso che D’Alfonso, senza essere stato mai “magnifico” rettore delle cose regionali, torni a fare l’impiegato dell’Anas, in modo da collocare una adeguata segnaletica da aggiungere a quella della “caduta massi”: “autobus TUA”. E saremmo tutti molto più tranquilli.