“Nella crisi non riduciamo gli investimenti”

328

assemblea BCC

RIELETTA MARIA ASSUNTA ROSSI ALLA BCC DI PRATOLA, IL MOVIMENTO SI PREPARA AL BALZO NEL GRUPPO BANCARIO

29 APRILE 2017 – L’impegno di stare accanto a chi ha bisogno di mezzi per affrontare il proprio lavoro

e di rifuggire dalla comoda speculazione finanziaria è stato sottolineato stamane dalla Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Pratola Peligna, Maria Assunta Rossi (nella foto), confermata per acclamazione dalla assemblea. Rossi ha tracciato il bilancio del suo primo mandato, che è stato caratterizzato dalla crescita, anche territoriale, dell’istituto fondato nel 1919 proprio per fronteggiare le periodiche crisi che avvolgono il mondo rurale ed artigiano. Parte della riunione assembleare è stata dedicata alle comunicazioni (e approvazioni all’unanimità dei presenti, circa cinquecento soci, fortunatamente con pochissime deleghe) sul progetto di costituzione di un gruppo bancario afferente all’ICCREA (Istituto centrale del Credito Cooperativo, già delle Casse Rurali ed Artigiane), per costituire una formazione di rango internazionale.

Questo il testo del discorso tenuto dalla Presidente Maria Assunta Rossi subito dopo la elezione:

“Cari amici soci

L’essere davanti a Voi, in momenti così determinanti, mi riempie di responsabilità, ma anche di orgoglio. Conosco il Nostro attaccamento a questa banca e dalla Vostra presenza e vicinanza ottengo ogni volta la conferma della passione e dell’attenzione che mostrate ,  affinché questa nostra realtà sempre più importante sia coesa. 

Oggi l’emozione è grande, cosi come forte è la responsabilità che sento nel riassumere una carica importante per lo sviluppo futuro della nostra banca e dell’intero territorio dove operiamo, in una fase economica molto difficile come quella attuale.

Questo ci deve dare ancora maggior slancio ed è con tale spirito che accetto l’incarico!

Vorrei iniziare con i ringraziamenti

Un vero e  grande ringraziamento  lo devo a Voi Signori Soci, 

CHE AVETE CREDUTO IN ME .  

E’ la certezza di sapervi così vicini che mi  motiva e mi responsabilizza ed è grazie al Vostro essere presenti che  cercheremo di operare al meglio.

Grazie agli amministratori ed all’intero collegio sindacale che hanno sostenuto in maniera unanime e convinta la mia candidatura. E’ mio dovere,  e  vero piacere,  ringraziare il CDA ,  soprattutto perchè  immediatamente ha realizzato una positiva integrazione, lavorando ad una sinergia interna e concentrando le attenzioni sull’analisi della situazione e sui nostri programmi di sviluppo per rafforzare le aspettative della Base Sociale. 

Un grazie va al Direttore Generale e  a  tutto il personale dipendente, con loro ho lavorato intensamente in questi due anni e per riuscire a far giocare alla ns banca  un ruolo che le spetta sarà richiesto un ulteriore sforzo per il prossimo futuro, perché credo che la vitalità e la forza  della nostra azienda risiedano nelle persone che ci lavorano. Conto su di Voi!

Grazie all’Autorità di Vigilanza con la sua attenta valutazione.

Grazie alla Federazione nella persona del Direttore Generale Ing  Ermanno Alfonsi  sempre presente ed attento alle nostre esigenze.

Grazie all’Avv Pierfilippo Verzaro per la collaborazione.

Permettetemi di rivolgere un grazie a tutta la mia famiglia perché senza il loro appoggio incondizionato non avrei potuto svolgere serenamente questo ruolo.  

Parliamo ora di lavoro: 

sono pienamente consapevole che questo mandato si presenta difficile e impegnativo, la situazione economica  attuale presenta molti problemi e di diversa natura, questo ci obbliga a scelte più attente e meditate.

E’ quindi nostro primario intendimento mantenere la massima attenzione sulla qualità del credito poiché l’obiettivo principale resta sempre quello di garantire la continuità aziendale. Naturalmente non potremo trascurare l’etica degli investimenti poiché è nostro primario interesse operare affinchè il denaro venga messo a frutto in attività che non contrastino con il bene collettivo.

In buona sostanza, desideriamo favorire la sola economia che conosciamo, vale a dire quella reale, basata sul lavoro,  a volte duro e difficile, ma onesto , e non quella fittizia,  costruita  solo sulla carta e quindi sul nulla. 

Stiamo ricostruendo un’entità sempre più forte, che sarà sempre più in grado di saper stare sui mercati, interagendo con essi, verso un futuro che, lo sappiamo, permane comunque difficile. Sappiamo dove vogliamo arrivare per poter rispondere anche un domani alle richieste di una maggiore redditività e stabilità. 

Abbiamo il preciso compito di proteggere questa nostra Azienda, in un momento di caos economico mondiale, come la banca, da parte sua, è chiamata a proteggere le nostre necessità economiche.

Chi sogna oggi di tornare ad essere una Banca  come negli anni ’80 e ’90, 

cammina in avanti guardando indietro! 

Così facendo si va a sbattere! 

Non ci sono più gli anni ’80 e ’90 e bisogna capirlo bene! 

Ci sono gli anni 2020 alle porte e dobbiamo fare un passo in avanti per poterli vivere da protagonisti, partendo da quello che la nostra storia ci ha insegnato, anche attraverso gli errori che sono stati commessi, ma sempre con uno sguardo rivolto in avanti e a tutte le opportunità che si possono cogliere.  E sono molte. 

La Banca conferma la solidità patrimoniale nonostante il peso delle rettifiche!

Nell’ultimo anno, unitamente al Consiglio di Amministrazione, al collegio sindacale, alla direzione ed al personale dipendente, con serietà, coerenza e professionalità, abbiamo realizzato tanto: 

l’apertura di una nuova filiale nel comune di Caramanico, 

una sede distaccata nel comune di Manoppello,

non per mire espansionistiche ma per raggiungere mercati più floridi e dinamici, necessari alla nostra sopravvivenza. 

Abbiamo proceduto al rinnovamento della organizzazione aziendale al fine di renderla sempre più efficiente, idonea, adeguata ai nuovi contesti di mercato e per meglio fronteggiare le ardue e profonde sfide che ci attendono.  

Imprescindibile l’attenzione alla innovazione tecnologica, motore di sviluppo, che oltre a migliorare la qualità del lavoro ci rende un Istituto di Credito di tutto rispetto per far sì che anche la BCC di Pratola Peligna possa soddisfare il cliente a 360° evitando il ricorso ad altre banche, come avveniva in passato. 

Con consapevolezza, coesione e vitalità aziendale ma, anche con forte volontà di dare risposte sempre più efficaci ai nostri stakeolders ci siamo adoperati su tutti i fronti anche in collaborazione con le società del Movimento Cooperativo perché pensiamo che l’appartenenza ad un Gruppo Bancario esistente, collaudato, efficiente e ben  strutturato possa solo portare benefici, di quì è scaturita la richiesta di manifestazione di adesione al Gruppo bancario Iccrea in quanto la Rete fornisce accessi preziosi e inedite possibilità anche individuali di espressione.

Ribadisco la volontà di ricercare la collaborazione con le Istituzioni per il miglioramento delle condizioni economiche e sociali dei nostri territori e, osservo che su di essa ho profuso notevole impegno in ogni sede istituzionale e occasione di confronto, e continuerò a farlo. 

E’ indispensabile un lavoro di squadra delle Istituzioni pubbliche e private,  delle associazioni d’impresa e dei sindacati dei lavoratori per il rilancio del nostro territorio.  E’ un nodo essenziale al fine di qualificare il nostro rinnovato e irrinunciabile onere per far progredire l’economia dell’intero territorio di riferimento allo scopo di restituire adeguate prospettive future ad una intera generazione che tende a lasciare il proprio paese di origine in cerca di lavoro.

mi fermo qui.

Impegno, lealtà, abnegazione e rispetto della dignità di ogni persona sono i valori che mi sono stati trasmessi sin da piccola e in questo giorno speciale voglio dire a Voi che li terrò ben presenti nel corso del mio mandato.

Concludo con una riflessione di Papa Francesco

L’economia cooperativa se è autentica , se vuol svolgere una funzione sociale forte deve perseguire finalità trasparenti e limpide. Deve promuovere l’economia dell’onestà! Andate avanti, dunque, e camminate insieme con tutte le persone di buona volontà!

Grazie di vero cuore!”