NELLA CULTURA SIAMO TUTTI PIU’ TUTERATI

276

LE PROSPETTIVE PER IL SETTORE DOPO LA NOMINA DELLA ASSESSORA CHE PROVIENE DA UNA IMPORTANTE ESPERIENZA NEL MINISTEROE NON S’OFFRE MAI

10 AGOSTO 2022 – Il sindaco Gianfranco Di Piero ha firmato ieri la nomina della dott.ssa Rosanna Tuteri ad assessore alla cultura; sono abbinate anche le deleghe alle pari opportunità e legalità. La  dott.ssa Tuteri è stata funzionaria del Ministero dei Beni e delle attività culturali fino al suo collocamento a riposo. Ha fatto parte della Soprintendenza archeologica di Chieti, da dove ha organizzato molte manifestazioni anche a Sulmona, prendendo parte a numerosi incontri sul ruolo degli organismi pubblici nella valorizzazione dell’esteso patrimonio archeologico dell’Abruzzo e della Valle Peligna in particolare.

Rosanna Tuteri, che ben avrebbe potuto ricoprire il ruolo di sindaco di Sulmona nel bimillenario della morte di Publio Ovidio Nasone perché avrebbe valorizzato tutti i suoi innumerevoli contatti, ha dinanzi a sé un periodo di rinnovato attivismo – libero da  impegni di lavoro – che potrà dare alla città di Sulmona spunti di crescita come non se ne sono avuti dal bimillenario della nascita del Vate. La consapevolezza dell’importanza di ogni particolare, artistico e storico, di tutti i siti nei quali l’archeologia ha fatto miracoli con i recenti ritrovati della indagine sul territorio, fa della realtà peligna un unicum da collegare in una ideale rete di conoscenze e, quindi, di proposte turistiche che potrebbero fare dell’assessorato alla cultura di Sulmona il punto di riferimento per buona parte della regione e certamente della Marsica che ebbe molte affinità in epoca italica.

La dott.ssa Tuteri, in occasione dell’allestimento della prima manifestazione per il bimillenario della morte di Ovidio, organizzata da questa testata nell’agosto del 2016 (“Tempeste” del Teatro Natura) ha saputo dimostrare che ogni lacciuolo burocratico può essere sciolto in poche ore se il fine merita di essere perseguito e, pur trovandosi in ferie, ha fatto in modo che il desiderio della compagnia di artisti di recitare alla “Villa di Ovidio” si realizzasse e o scenario fosse proprio quello dell’antico tempio ad Ercole Curino. Caso raro nel panorama degli interventi che con la burocrazia debbono sempre fare i conti.

Ultima, ma non meno importante notazione, la nuova assessora non fa parte di quanti si offrono un giorno sì e l’altro pure per ricoprire incarichi istituzionali; il sindaco sicuramene avrà dovuto fare opera di faticoso convincimento per una persona che cerca sempre un profilo basso.

La dott.ssa Tuteri durante un sopralluogo a Chieti