UNA CROCIATA CHE POTEVA VINCERE SULMONA

191

IL PROGETTO PER L’AQUILA CAPITALE DELLA CULTURA E’ DI UN PELIGNO, MA DI PIERO SI AFFIDO’ AL “FUTURO SENZA TEMPO” E ALL’ACCOSTAMENTO TRA OVIDIO E CAPOGRASSI

14 MARZO 2024 – L’Aquila sarà capitale europea della cultura per il 2026. E lo merita, anche perché, superando schemi campanilistici, ha affidato il progetto ad un professore proveniente dal territorio, il sulmonese Alessandro Crociata.

Giusto un paio d’anni fa Sulmona si affidò ad una relazione basata sul “futuro senza tempo”, sull’inciucio tra Ovidio e Capograssi (che c’azzecca?, avrebbe detto un pm d’altri tempi). E non superò neanche il confronto con Pescina. Poi il sindaco Di Piero promosse l’estensore di cotanta relazione, il prof. Raffaele Giannantonio, a coordinatore scientifico del “museo” di Ovidio (quello inaugurato alle 10 e chiuso definitivamente alle 13 dello stesso giorno). Quo usque tandem abutere patientia nostra?

Please follow and like us: