Chi ha esportato la civiltà?

341

2 FEBBRAIO 2013 – Quando s’è assopita l’esaltazione del 150° anniversario, può essere utile uno sguardo non nostalgico, ma realistico, a quello che Napoli ha dato all’Italia con tutto il suo regno.

Se dopo 150 c’è un partito (che oltre tutto ha anche fatto parte del Governo nazionale fino a poco fa) che favoleggia ancora sulla presunta inferiorità culturale e civile del Sud, non è sbagliato essere altrettanto ripetitivi e citare alcune date. Il confronto tra Sud e Nord dovrebbe far impallidire o arrossire di vergogna:

1735 – prima Cattedra d’Astronomia, in Italia, affidata a Napoli a Pietro De Martino

1754 – prima Cattedra d’Economia, nel mondo, affidata a Napoli ad Antonio Genovesi

1762 – Accademia d’Architettura, una delle prime e più prestigiose in Europa

1763 Primo cimitero italiano per poveri (il “cimitero delle 366 fosse”, nei pressi di Poggioreale a Napoli, su disegno di Ferdinando Fuga)

1781 Primo Codice Marittimo nel mondo (opera di Michele Jiorio)

1782 Primo intervento in Italia di profilassi antitubercolare

1783 Primo cimitero in Europa ad uso di tutte le classi sociali (Palermo)

1789 Prima assegnazione di “case popolari” in Italia (San Leucio presso Caserta)

       Prima istituzione d’assistenza sanitaria gratuita (S. Leucio)

1792 Primo atlante marittimo nel mondo (Atlante Marittimo delle Due Sicilie, vol. i, elaborato dalla prestigiosa Scuola di Cartografia napoletana)

1801 Primo museo mineralogico del mondo

1807 Primo “orto botanico” in Italia a Napoli, di concezione moderna

1812 Prima scuola di ballo in Italia, annessa al San Carlo

1813 Primo ospedale psichiatrico italiano (Reale Morotrofio d’Aversa)

1818 Prima nave a vapore nel Mediterraneo “Ferdinando I”

1819 Primo osservatorio astronomico in Italia a Capodimonte

1832 Primo ponte sospeso (il “Ponte Real Ferdinando” sul Garigliano) in ferro, in Europa continentale

1833 Prima nave da crociera in Europa “Francesco I”

1835 Primo istituto italiano per sordomuti

1836 Prima compagnia di navigazione a vapore nel Mediterraneo

1839 Prima ferrovia italiana, tratto, poi prolungata sino a Salerno e a Caserta e Capua

       Prima illuminazione a gas di una citta italiana (terza in Europa dopo Londra e Parigi) con 350 lampade

1840 Prima fabbrica metalmeccanica d’Italia per numero d’operai (1050) a Pietrarsa presso Napoli

1841 Primo centro sismologico in Italia presso il Vesuvio

         Primo sistema a fari lenticolari a luce costante in Italia

1843 Prima nave da guerra a vapore d’Italia (pirofregata “Ercole”), varata a Castellammare

       Primo periodico psichiatrico italiano pubblicato presso il Reale Morotrofio d’Aversa da Biagio Miraglia

1845 Prima locomotiva a vapore costruita in Italia a Pietrarsa

         Primo osservatorio meteorologico italiano (alle falde del Vesuvio)

1848 Primo esperimento d’illuminazione a luce elettrica d’Italia a Lecce, per opera di mons. Giuseppe Candido. Illuminazione dell’intera piazza in occasione della festa patronale

1852 Primo telegrafo elettrico in Italia (inaugurato il 31 luglio)

         Primo bacino di carenaggio in muratura in Italia (nel porto di Napoli)

1853 Primo piroscafo nel Mediterraneo per l’America (Il “Sicilia” della Società Sicula Transatlantica di Salvatore De Pace, 26 i giorni impiegati)

         Prima applicazione dei principi di Scuola Positivo Penale per il recupero dei malviventi

1856 Primo premio internazionale per la produzione di pasta (Mostra industriale di Parigi)

         Primo premio internazionale per la lavorazione di coralli (Mostra industriale di Parigi)

         Primo sismografo elettromagnetico nel mondo costruito da Luigi Calmieri

1859 Primo stato italiano in Europa per la produzione di guanti (700.000 dozzine di paia ogni anno)

1860 Prima nave ad elica (Monarca) in Italia varata a Castellammare

         Più grande industria navale d’Italia per operai (Castellammare di Stabia, duemila operai)

         Primo tra gli stati italiani per numero d’orfanotrofi, ospizi, collegi, conservatori e strutture d’assistenza e formazione

         La più bassa percentuale di mortalità infantile in Italia

        La più alta percentuale di medici per abitanti in Italia

         Prima città d’Italia per numero di teatri (Napoli)

         Prima città d’Italia per numero di conservatori musicali (Napoli)

         Primo “Piano Regolatore” in Italia, per la città di Napoli

         Prima città d’Italia per numero di tipografie (113, a Napoli)

         Prima città d’Italia per numero di pubblicazioni di giornali e riviste (Napoli)

       La più alta quotazione di rendita dei Titoli di Stato (120% alla Borsa di Parigi)

       Il minor carico tributario in Europa

         Maggior quantità di lire-oro nei Banchi Nazionali (dei 668 milioni di lire-oro, patrimonio di tutti gli stati italiani, 443 milioni erano del Regno delle Due Sicilie)